Architettura d'interni

Un prestigioso Hub di incontro tra ricerca e impresa per un’azienda sinonimo di innovazione

La Grifal SpA, azienda ad alta tecnologia e quotata in Borsa, investe costantemente in Ricerca & Sviluppo. Nel 2020 sceglie di insediare uno dei settori di sviluppo nel campus del parco tecnologico Kilometro Rosso di Bergamo, come resident-partner nel cluster dei materiali avanzati, tra le attività che sviluppano materiali compositi e bio materiali ad alte prestazioni. Questo Hub, che ospita oltre all’ufficio R&D gli spazi per la customer reception e per l’organizzazione di corsi di formazione e di eventi, è stato progettato con l’intento di trasmettere al visitatore la mission aziendale: ecosostenibilità, innovazione, unicità.  

Un grande open-space, con due vetrate contrapposte in un edificio di moderna concezione, arredato con materiali innovativi dell’azienda, per farne percepite la versatilità e le peculiarità. Il progetto dà grande importanza alla scelta dei materiali e delle loro texture: le quinte mobili di separazione sono realizzate con un prodotto ondulato fonoassorbente di produzione Grifal, che scorre su telai in profili di alluminio utilizzati per la costruzione dei macchinari prodotti dall’azienda. Un altro prodotto della società, in feltro riciclato di diversi colori, riveste i mobili della reception, della caffetteria e alcune delle colonne della struttura dell’edificio. Il sistema di illuminazione è volutamente semplice: corpi bianchi, di diverse tipologie in relazione agli spazi di lavoro, per lasciare in evidenza lampade a sospensione realizzate in carta traslucida, anche questa prodotta della società.

Le diverse zone di lavoro rispecchiamo i concetti chiave aziendali: arredo bianco per l’ufficio operativo, come un laboratorio di ricerca; divani in velluto verde muschio e poltrone nere in pelle ecologica per rendere informale la zona relax e la caffetteria, come un salotto di casa, luogo d’incontro e di scambio di idee; la parete di verde verticale, a ridosso della reception, composta da essenze disidratate di edera muschio ed ortensie, e le piante di Kentia, distribuite negli ambienti, contaminano gli spazi di lavoro con la vegetazione, come riferimento a ciò che è naturale ed eco-sostenibile. Nella zona conferenze, i tessuti grigio, antracite, nero e rosso delle poltroncine, oltre a richiamare i colori del marchio aziendale, danno vivacità all’ambiente di studio; nell’ufficio dirigenziale e nella sala riunioni sono stati inseriti arredi in legno e ferro dal design vintage, per sottolineare il valore del riutilizzo di prodotti e materiali senza tempo. Tessuta come una stuoia, la pavimentazione dell’Hub è in vinile riciclato.

Progetto Servalli Architettura